DI CHE MULINO SIAMO

E’ stata sufficiente la famosa puntura della “Zanzara”  per scatenare un putiferio. Intervistato da Giuseppe Cruciani, nella sua trasmissione radiofonica “La Zanzara”, 

Guido Barilla, presidente dell’ omonima azienda, risponde: “Sono per la famiglia tradizionale, non realizzerò mai uno spot con i gay”. Le sue affermazioni hanno scatenato un terremoto tanto da rimbalzare  in rete che si agita alle dichiarazioni   del manager.  Addirittura  su Twitter ecco  l’hashtag #boicottabarilla ed in pochissimo tempo  diventa argomento più dibattuto sul social network. Una mazzata per l’immagine dell’azienda che  cerca di circoscrivere l’attacco e  dirama  scuse con la firma di   Guido Barilla: “Mi scuso molto per aver urtato la sensibilità di tanti. Ho il più profondo #rispetto per tutte le #persone senza distinzioni. Guido #Barilla”.
Ma ormai la frittata è fatta!!! Sul Web   chi si scandalizza, chi ironizza, ma anche chi difende Barilla e il suo target che certamente resta quello della famiglia tradizionale. Mulino Bianco “DOCET” e a qualche ora di distanza ecco  #iostoconbarilla.

 

Anche la Stampa estera …Ad esempio, Libération   esordisce dicendo che «si sa bene che in Italia non sono che le donne a cucinare, che sanno dosare la pasta e il pesto per riempire gli stomaci di tutta la famiglia». Un’immagine che aderisce   al concetto espresso martedì in Senato da Laura Boldrini, che aveva   biasimato  quegli spot «dove i figli e il papà sono tutti seduti e la madre serve in tavola».

 

barilla pubblicita gay 3

 

barilla pubblicita gay 4

barilla pubblicita gay 6

 

barilla pubblicita gay 8

barilla pubblicita gay 2

Mentre su Twitter continuano a fioccare commenti, su Facebook è già nata la pagina ufficiale del boicottaggio contro Barilla e non è in lingua italiana. Forse l’ardito parmense non aveva immaginato la reazione del mondo gay che ha lanciato dunque una polemica ed un  proprio  boicottaggio del prodotto sul Web. Non pasta italiana ma un esempio di omofobia all’italiana. E così Guido Barilla, come riporta Sarina Biraghi, dopo essersi scusato ha sottolineato  la centralità del ruolo della donna nella famiglia, pur avendo massimo rispetto per  la libertà di espressione di chiunque.

E Mulino Bianco è stato protagonista  il 26 settembre per  più di 24 ore del Panorama Twitter

twitterlogo.gif

Ad esempio:” forse chi va al mulino (bianco) si sfarina?”- Ho invitato Banderas e la Boldrini a mangiare pasta  De Cecco nel mio Mulino bianco. Sto mangiando delle fette biscottate del Mulino bianco  Barilla non uccidetemi ormai la mia mamma le aveva comprate- Barilla fa la pasta, non si occupa di omofobia- Chapeau a Mario Ajello, il Messaggero: dov’è lo scandalo se uno sostiene che la sua famiglia ideale è quella del Mulino Bianco?

PER FINIRE

UNA SELEZIONE   rappresentativa delle diverse reazioni che le parole di Barilla hanno suscitato, scelta da Formiche.net  testata quotidiana on-line www.formiche.net, sito di informazione

Immagine

 

I CONTRO

Aurelio Mancuso ‏@aureliomancuso
L’unica risposta a #Barilla è non comprare più i suoi prodotti! #boicottabarilla no #omofobia!

 

Simona Siri ‏@simonasiri
ma davvero barilla pensa che una pubblicità con gay turberebbe i consumatori tradizionali? la società è più avanti. di lui e della politica.

 

Costa di Gherardesca ‏@CdGherardesca
L’omofobia del ricco signor Barilla è esattamente quella che dobbiamo contrastare come possiamo. Non tolleratela, #boicottabarilla

 

Anna Paola Concia ‏@annapaolaconcia
delle 2 l’una, o lo avete fatto apposta o siete scemi. Avete sempre fatto sta pubblicità esplicita senza rivendicarlo. #boicottabarilla

 

 

I PRO

Mario Adinolfi ‏@marioadinolfi
Follia le proteste contro Barilla. Anche i ciccioni come me non finiscono negli spot e non è discriminazione. È solo pubblicità.

 

Doriana Imbimbo ‏@DorianaDori
Sconveniente o no, un’azienda privata parla al target che ritiene. E la @Barilla può scegliere a chi comunicare e a chi no. Datevi pace

 

Vittorio Zambardino ‏@zambafeed
Polemiche ideologiche inutili: sulle parole di #Barilla. E’ marketing. Non tutto è violazione di sacri diritti, non tutto chiama la crociata

 

Giancarlo Loquenzi ‏@gloquenzi
In realtà Giuido Barilla la provocazione l’ha fatta non contro i gay ma contro @lauraboldrini che dice “basta mamme in tv” e ha fatto bene

 

Giorgia Meloni ‏@GiorgiaMeloni
Difendo il diritto di Guido #Barilla a essere “diverso” dal pensiero unico che si vorrebbe imporre

 

 

GLI IRONICI

Linda Celenza ‏@Lindina80
stamattina poteva andarmi peggio. Potevo svegliarmi ed essere l’addetto stampa di #barilla

 

Elisa D’Ospina ‏@ElisaDospina
Per #Barilla solo famiglie tradizionali, non vuole #gay; però è normale che uno per tutta la notte parli con le galline … Mah….

 

Pinuccio ‏@Pinucciotwit
#Barilla vuole la famiglia tradizionale. Amanti inclusi?

Annunci